Scorte nuove e limitate: Chateau de Hontambere e il suo stock di Pouchegu   SCOPRIRE

category-image

Come bere il cognac

Come bere il cognac

Come bere il cognac

A causa della ricca storia del cognac e della sua reputazione come uno dei liquori più prestigiosi al mondo, tende a portare con sé anche molte opinioni sul modo corretto di gustarlo. Non crediamo che esista una risposta giusta a questa domanda, ma una bevanda che ha impiegato così tanto tempo, energia e amore nella sua produzione merita sicuramente un'adeguata riflessione sul modo in cui viene consumata.

Non fatevi prendere dal panico se siete nuovi al mondo del cognac, se volete provare l'eau-de-vie ma non sapete da dove cominciare. Cognac Expert è lieto di guidarvi attraverso le considerazioni chiave quando si tratta di gustare il cognac. Lasciatevi guidare da quanto segue:

Come si beve il Cognac

In generale, si dovrebbe apprezzare un bicchiere di cognac, perché è davvero uno dei liquori più complessi al mondo.

La questione di come bere correttamente il cognac si riduce davvero alle preferenze personali. Ci sono così tanti punti di vista diversi sull'argomento che è saggio sperimentare e poi scegliere quello che piace di più.

Tuttavia, di seguito abbiamo elencato alcune cose da considerare, per aiutarvi a orientarvi nella giusta direzione quando stabilite esattamente qual è il vostro stile di consumo del cognac.

Liscio o miscelato, e la scelta del cognac

Ok, la prima cosa a cui pensare è il tipo di cognac che state bevendo. Si tratta di un VS più giovane, di un VSOP o di un vecchio blend, come un XO, o addirittura di un cognac d'annata? Si tratta di un cognac dal gusto più dolce che potrebbe essere adatto ad accompagnare un dessert, o addirittura essere parte del dessert stesso? Oppure il blend è stato prodotto specificamente per essere un componente di un cocktail o magari di un aperitivo?

Se non siete attenti al marchio, il nostro consiglio è di cercare un cognac di un'azienda più piccola e meno conosciuta. Se il nome del marchio è importante per voi, è probabile che stiate cercando un cognac di una delle "Big 4"(Hennessy, Martell, Remy Martin o Courvoisier).

Se vi concedete un cognac più vecchio, un cognac XO o superiore, vi consigliamo di sorseggiarlo liscio e di assaporarlo. Gustare un cognac liscio è il modo migliore per apprezzare tutte le sfumature dei suoi aromi e sapori, cosa che si può ottenere solo senza diluirlo o combinarlo.

Tuttavia, a volte si è dell'umore giusto o l'occasione è adatta per un drink misto al cognac. Abbiamo quindi raccolto alcuni consigli su cosa mescolare con il cognac e suggeriamo di utilizzare un Cognac VS o un Cognac VSOP per questi mix:

  • Cognac e Ginger Ale: il gusto piccante dello zenzero si sposa deliziosamente con alcuni cognac, l'esplosione di sapore è esotica e sensuale. Esistono anche molti cocktail a base di cognac che sfruttano la forza della spezia per creare un delizioso long drink.

  • Cognac e Coca Cola: Quando si parla di miscelatori di cognac, il gusto duraturo della Coca Cola combinato con una potente acquavite crea un'infusione di sapore che piace a milioni di persone.

  • Tè freddo al cognac: Una scelta rinfrescante e gustosa da abbinare al cognac più famoso del mondo, Hennessy.

  • Cognac e tonica: Non sottovalutate mai l'umile tonica come un ottimo modo per mescolare e gustare il cognac. Si abbina perfettamente e fa risaltare i toni di frutta per cui il cognac è noto.

L'ambiente: quando è il momento migliore per bere cognac?

Non esiste un "momento migliore" per bere il cognac, ma esistono diversi livelli di cognac che sono più adatti in momenti diversi. Per esempio, ci sono cognac che potremmo definire "casual", che pur avendo un prezzo elevato, possono essere bevuti con maggiore regolarità e consumati in modo piuttosto "semplice". Ma in generale si dovrebbe apprezzare un bicchiere di cognac, perché è davvero uno degli alcolici più complessi al mondo.

Vediamo alcuni modi diversi (e un po' banali) di bere il cognac:

  • Alla moda: In un bar o in un night club. Qui la scelta potrebbe ricadere su un VS o VSOP in un cocktail o con un mixer. Oppure potete anche costruire il vostro bar di Cognac e godervi lo spirito "alla moda", nel comfort della vostra casa.

  • Il modo tradizionale: Questo potrebbe essere considerato un po' fuori moda, dato che il cognac ha fatto molto per scrollarsi di dosso il suo stereotipo polveroso. Tuttavia, c'è ancora qualcosa da dire sulla pura e semplice decadenza che si prova nel rilassarsi dopo cena con un buon cognac XO in un boccale a palloncino e assaporarlo davanti al caminetto. Dopo tutto, il cognac è il re dei digestivi, ma perché esattamente il cognac è un drink da dopo cena?

  • In modo intellettuale: Diversi Cognac Vintage Single Cru e Single Vineyard, prodotti senza aggiunta di zucchero e degustati in bicchieri a tulipano. Magari come esperienza di gruppo - che può essere una sessione di degustazione - concentrandosi sui diversi aromi e note del cognac. Il tutto potrebbe essere accompagnato da un piccolo dessert.

  • Il modo delle occasioni speciali: Ci sono poi ovviamente cognac molto preziosi, che hanno un prezzo e che dovrebbero essere conservati per quei momenti rari e memorabili con le persone più care.

La temperatura

Ci sono molti pareri discordanti sulla temperatura ottimale di un cognac. Per esempio, si dovrebbe sorseggiare il cognac con ghiaccio, magari direttamente dal freezer, a temperatura ambiente o scaldato a mano?

Approfondiamo questo argomento nella sezione "Come servire il cognac", dove risponderemo alle domande su come bere il cognac caldo, quando va servito fresco e se il cognac è un aperitivo o un digestivo

Tuttavia, la risposta breve è che tutto si riduce alle vostre preferenze personali. Non esiste un modo giusto o sbagliato di gustare l'acquavite. Anzi, a seconda delle circostanze in cui ci si trova, si può bere in una moltitudine di modi diversi.

Acqua - sì o no?

Tradizionalmente, l' acqua non veniva mai aggiunta al cognac ed era una pratica riservata al whisky. Tuttavia, con l'evolversi del tempo e la crescente popolarità del cognac in tutto il mondo, bere cognac con acqua è diventata una pratica comune in molti paesi.

Questo avviene con l'aggiunta di cubetti di ghiaccio o di una piccola quantità d'acqua. Infatti, secondo diverse fonti, come Cognac Otard, l'aggiunta di una piccola quantità d'acqua può avere lo stesso effetto dell'aggiunta al whisky: rilasciare determinati aromi e alterare così la sensazione gustativa. Tuttavia, l'aggiunta di acqua deve essere proporzionata, poiché una quantità eccessiva può rovinare completamente gli aromi.

Se si sceglie di aggiungere acqua sotto forma di cubetti di ghiaccio, bisognerà aspettare che se ne sciolga quanto basta per soddisfare il proprio palato. In effetti, questo può essere un esperimento interessante, poiché gli aromi, e quindi il gusto, cambieranno leggermente man mano che il ghiaccio si scioglie. Tuttavia, va notato che un raffreddamento eccessivo del cognac impedisce ad alcuni degli aromi più sottili di emergere.

Se si aggiunge acqua al cognac, si dovrebbe aggiungere solo a un VS o VSOP, che sono anche i cognac più utilizzati nei cocktail. Anche in questo caso, si tratta di una forma di annacquamento. Ma se siete abbastanza fortunati da avere un XO, allora, a nostro avviso, farete molto meglio a ringraziare la vostra buona stella, a rilassarvi e a lasciarvi sedurre dalla sensazione di berlo liscio.

Bene, con questo concludiamo la nostra guida su come scoprire le vostre preferenze nel bere l'oro liquido. Ricordate che non esiste un modo migliore per bere il cognac: immergetevi e scoprite da soli cosa vi piace.

Cocktail di cognac

Nessuno può negare che il modo di gustare il cognac sia cambiato quasi completamente negli ultimi due decenni. In contrasto con la vecchia abitudine di berlo liscio, l'uso del cognac in bevande miste e cocktail è ora comune in quasi tutti i paesi del mondo.

Non c'è niente di più attuale di un cocktail con un gustoso bicchierino di cognac. Non solo è il modo più trendy di bere la nostra bevanda preferita, ma le possibilità di miscelazione sono infinite.

Sebbene i cocktail a base di cognac siano oggi di gran moda, la propensione a gustare bevande miste a base di cognac non è limitata al presente. Infatti, l'idea è stata apprezzata per molti secoli. Unitevi a noi in un viaggio approfondito nel mondo dell'umile cocktail al cognac. Non solo vi presenteremo semplici intrugli fai-da-te, un po' di storia dei cocktail e i migliori cocktail con il cognac, ma daremo anche un'occhiata alle incredibili invenzioni dei mixologist che vi faranno davvero venire le lacrime agli occhi (e non ci riferiamo solo al gusto)

Se non siete interessati alla teoria dei cocktail e volete provare a cimentarvi nella mixologia del cognac, date un'occhiata alle 30 migliori ricette di cocktail al cognac del Summit.

L'ascesa e la popolarità del cocktail al cognac

Nessuno può negare che il modo di gustare il cognac sia cambiato quasi completamente negli ultimi due decenni. In contrasto con la vecchia abitudine di berlo liscio, l'uso del cognac in bevande miste e cocktail è ora comune in quasi tutti i paesi del mondo.

La prova della longevità di questa tendenza è data anche dalle stesse case produttrici di cognac. Molte hanno introdotto linee specifiche per l'utilizzo in cocktail e bevande miste. Il nostro amato spirito ha davvero abbracciato il 21° secolo.

Probabilmente è stato negli Stati Uniti che l 'uso del cognac in un cocktail o in una bevanda mista è diventato veramente popolare. Si veda una delle più antiche ricette di cocktail d'America, The Sazerac. Questa tendenza è stata presto seguita dalle nazioni di tutto il mondo. Basta dare un'occhiata alle bellezze della Cina che sorseggiano i loro cocktail al cognac nei locali notturni e nei bar più alla moda per rendersi conto di quanto ciò sia vero. Tuttavia, sebbene la tendenza sia nata negli Stati Uniti, fino a poco tempo fa sembrava che l'America fosse in ritardo rispetto al resto del mondo nell'incorporare il cognac come ingrediente base nei menu dei cocktail.

Il Brandy Crusta è il primo cocktail ufficiale a base di cognac?

Anche se non lo sappiamo con certezza, è certamente un concorrente insieme al Mint Julep. Il Brandy Crusta è stato inserito nella prima guida ai cocktail, The Bon Vivants Companion. Questa guida di mixologia fu scritta nel 1862 da un uomo noto come Jerry "The Professor" Thomas. Sebbene questa leggendaria compilazione contenesse oltre 200 ricette, Thomas scelse di illustrarne solo due, entrambe a base di brandy: il Pousse L'Amour e il Brandy Crusta. A lui si deve anche il noto cocktail Blazing Brandy.

Il Brandy Crusta è considerato da molti il precursore del popolare Sidecar (che analizziamo di seguito) e bilancia le note di un Cognac VSOP con la dolcezza del liquore all'arancia del Triple Sec, l'asprezza del limone fresco e un tocco di spezie, grazie all'inclusione di amari aromatici.

La presentazione è classica, con un bordo zuccherato - le croste - e un rivestimento di scorza di limone.

Volete riprodurre questo cocktail classico a casa? Ecco la ricetta:

Preparare gli ingredienti:

3 cl di Cognac Courvoisier VSOP Exclusive

½ limone fresco, spremuto

1.5 cl di Triple Sec (liquore all'arancia)

1 cl di sciroppo di zucchero

1 buccia di limone intera privata del midollo

1 cucchiaio di zucchero Demerara tritato

Metodo:

Preparare il bicchiere: snifter, tulipano o piccolo bicchiere da vino. Immergere il bordo nel succo di limone fresco e poi nello zucchero per creare una crosta intorno al bordo. Rivestite il bicchiere con la buccia del limone.

Mettere tutti gli ingredienti in uno shaker per cocktail con un po' di ghiaccio, agitare fino a quando non sono ben miscelati e raffreddati. Filtrare nel bicchiere e gustare.

Altri cocktail storici a base di cognac sono il Brass Monkey e lo Spiced Armada.

Cocktail Sidecar: Fare un giro con l'imbibitore

2 parti di Courvoisier Exclusif

1 parte di succo di limone fresco

1 parte di Triple Sec

Un pizzico di sciroppo di zucchero

1 limone a scatto

Metodo:

Agitare tutti gli ingredienti in uno shaker per cocktail finché non sono ben miscelati. Filtrare finemente in un bicchiere da cocktail raffreddato.

Guarnizione: Lemon snap.

... "e prende il nome dalla motocicletta sidecar con cui il buon capitano andava e veniva dal piccolo bistrot in cui il drink era nato e battezzato", come scrisse nel 1948 David A. Embury nel suo acclamato libro sui cocktail, "The Fine Art of Mixing Drinks".

Questa è la storia di come è nato il Sidecar Cocktail, che prosegue spiegando di un eccentrico capitano britannico a Parigi durante la prima guerra mondiale che frequentava il suo bar preferito con il suo veicolo militare. Una storia molto apprezzata da baristi e clienti, ma questo cocktail al cognac ha un'eredità che precede di quasi un secolo questa definizione.

Il primo elenco registrato del cocktail, formalmente noto come Side-car, si trova in due letture di cocktail dei primi anni '20 ("Harry's ABC of Cocktails" di Harry MacElhone e "Cocktails: How To Mix Them") in cui entrambi gli autori attribuiscono il drink a "MacGarry, il popolare barman del Buck's Club di Londra", un bar privato situato ancora oggi in Clifford Street, nel centro di Londra. La formulazione del drink intorno a questo periodo è ulteriormente supportata da una pubblicazione del Coshocton Tribune del 1923 che afferma:

"Un altro nuovo cocktail, secondo per popolarità solo al monkey gland, è stato chiamato "side-car", perché porta l'imbibitore a fare un giro. Due terzi di brandy, un sesto di Cointreau e un sesto di succo di limone costituiscono questo intruglio".

Oggi in America si usa zuccherare il bordo di un cocktail Sidecar, il che, oltre a dare un tocco di teatralità, è sempre una scelta molto apprezzata dai clienti. Ironia della sorte, una volta fatto questo, questo stesso drink (più o meno con qualche misura modificata) diventa il Brandy Crusta, il cocktail originale a base di cognac, di cui abbiamo parlato sopra.

Se si scava abbastanza a fondo, si può seguire un rudimentale albero genealogico dei cocktail classici che mostra l'evoluzione dei cocktail più popolari di oggi dalle loro semplici e umili origini di oltre un secolo prima. Spesso le uniche variazioni riguardano un nuovo recipiente, un'acquavite di base sostituita o un dolcificante sostituito e quindi, ad ogni nuovo adattamento, un nome reinventato. Ecco una breve evoluzione dalla Crusta al Brandy, fino al Sidecar e oltre.

L'evoluzione dei cocktail classici

Brandy Crusta - 1862

  • Brandy, liquore all'arancia, succo di limone, bordo di zucchero
  • Servito in un bicchiere globet/vino

Brandy Daisy - 1876

  • Brandy, liquore all'arancia, succo di limone, sciroppo di zucchero, 2 dosi di rum
  • Servito in un bicchiere highball con ghiaccio

Brandy Fizz - 1880

  • Brandy, sciroppo di zucchero, succo di limone, cordiale all'arancia, goccia di soda
  • Servito in un bicchiere da cocktail

Sidecar - 1922

  • Cognac, liquore all'arancia, succo di limone
  • Servito in un bicchiere da cocktail

Margarita - 1936 (circa)

  • Tequila, liquore all'arancia, succo di limone
  • Servito in un bicchiere da martini (più tardi con un bordo di sale... coincidenza?)

Quando il denaro non è un problema

Naturalmente, quando si tratta di bevande di lusso come il cognac, ci saranno sempre alcune versioni senza limiti. Con cosa si può mescolare il cognac quando il denaro non è un problema? Diamo un'occhiata ad alcune delle creazioni più folli che hanno raggiunto i riflettori nel corso degli anni.

L'Ono

Avete 10.000 dollari da spendere? Allora andate al Wynn XS Nightclub di Las Vegas e ordinate questo cocktail Louis XIII Black Pearl. Certo, serve 2 persone, ma si tratta comunque di 5.000 sterline a testa, quindi dovete essere molto attenti ai vostri drink misti per ordinarne uno.

Cosa c'è in questo cocktail dal prezzo folle? E cosa lo rende così costoso?

Si dice che sia ispirato al dio polinesiano Oro, che portò con sé una perla nera da donare alla principessa di Bora Bora. Ordinando l'Ono, non solo si riceve mezzo grammo di Cognac Remy Martin Louis XIII Black Pearl in ogni cocktail, ma anche una bottiglia completa di Champagne Charles Heidsieck 1981, con circa quattro once di bollicine in ogni cocktail (il resto si può sorseggiare a proprio piacimento).

Gli altri ingredienti includono il nettare di rosa bulgaro Sence (uno sciroppo di rosa), succo d'arancia appena spremuto e purea di albicocca. Ma l'esperienza del drink non si ferma qui, oh no. Circa 20 membri del personale formano una processione verso il vostro tavolo dove procedono a mescolare il cocktail di champagne e cognac davanti a voi. I drink vengono presentati in due flûte da champagne Baccarat bordati d'oro e, come se non bastasse, i ragazzi ricevono un paio di gemelli da polso in argento massiccio Mont Blanc. Per le signore (che secondo noi sono le migliori) il cocktail è accompagnato da una collana in oro 19 carati con una perla nera e un diamante. Ecco come si beve un cognac miscelato con stile!

Non sorprende che la miscela si sia rivelata vincente per coloro che hanno avuto fortuna ai tavoli da gioco. Nei primi cinque anni dall'introduzione del cocktail, avvenuta nel 2009, ne sono stati venduti circa 25.

E poi c'è il cocktail olimpico invernale

I russi amano certamente le loro manifestazioni di opulenza, quindi non dovrebbe sorprendere che il cocktail al cognac più costoso sia nato in occasione delle Olimpiadi invernali di Sochi del 2014. Entrato direttamente nel Guinness dei primati come drink più costoso del mondo, questo intruglio a base di Hennessy è costato all'imprenditore russo Andriei Melnikov l'incredibile cifra di 50.000 dollari americani.

L'Hennessy contenuto nel cocktail era una miscela rara, descritta come "il gioiello nella corona della gamma Hennessy Cognac ", e gli è stato servito in un bicchiere tempestato di diamanti da quattro carati, opera del gioielliere italiano Crivelli.

Il cocktail preferito del maestro di cantina

Uno dei più famosi maestri di cantina di tutti i tempi è Yann Fillioux, che in passato ha ricoperto la posizione più illustre presso la più grande di tutte le case di cognac, Hennessy. Anche se la ricetta che segue potrebbe non essere la sua preferita in assoluto, il fatto che includa il Pineau des Charente la rende davvero interessante. Ci piace anche che sia così semplice da realizzare.

Gli ingredienti sono:

3 cl di Pineau des Charente Blanc

3-4 gocce di un gin di buona qualità

Fetta sottile di lime

Un paio di cubetti di ghiaccio

Mettere il ghiaccio e una fetta in un bicchiere tumbler. Versare il Pineau e il gin. Mescolare il tutto e il gioco è fatto. Il rinfrescante perfetto per una calda giornata estiva.

La valigetta dei cocktail estivi di Monin e Hine

Nel 2010, Hine Cognac ha anticipato i tempi quando ha collaborato con Monin, azienda specializzata in bevande miste, per produrre un cofanetto di cocktail in edizione limitata. Era in vendita presso la catena francese di vendita al dettaglio di bevande Nicolas e conteneva una selezione innovativa di ingredienti per tentare la clientela dei cocktail.

All'epoca si trattava di un prodotto piuttosto all'avanguardia, poiché il cognac stava ancora lottando per scrollarsi di dosso l'immagine di vecchio e soffocante. Il cofanetto comprendeva una bottiglia di VSOP H di By Hine, oltre a 5 bottigliette di miscelatori, tra cui pamplemousse, menta, violetta e fragola. C'era anche un opuscolo con le istruzioni per la preparazione di sei diversi cocktail.

Cocktail stagionali

Così come cognac diversi si adattano a occasioni diverse, lo stesso vale per i cocktail, soprattutto quando si parla di stagioni. Ci sono sicuramente alcuni mix che funzionano meglio per riscaldarci in inverno, come un hot toddy al cognac, e opzioni più leggere e fruttate per quando ci godiamo il sole estivo.

Per aiutarvi a trovare il dissetante perfetto per il momento giusto, abbiamo inserito qui di seguito alcuni link ai migliori cocktail e ricette di bevande a base di cognac e li abbiamo classificati in base alla stagione in cui saranno più apprezzati.

Cocktail di cognac: Alcune riflessioni finali

Ci piace che il nostro amato drink sia così versatile da poter essere gustato in molti modi diversi. Spesso ci viene chiesto quale sia il cognac migliore da usare in un cocktail Ad essere onesti, non c'è una risposta definitiva a questa domanda, perché è del tutto soggettiva.

A noi piace un buon VSOP, magari un po' troppo alcolico, perché la sua potenza si presta bene a un cocktail. Ma non c'è assolutamente nulla che vi impedisca di usare un XO di alta qualità, poiché la complessità dell'età può fondersi meravigliosamente con una combinazione di sapori.

Il cognac, inoltre, non si limita a mescolarsi bene con altre bevande, ma può anche fungere da ingrediente meraviglioso per alcune superbe ricette. Potete provare la ricetta riportata nel seguente articolo: It's Cooking Time: Tarte Provencale and Cucumber Cognac Cocktail (ok, in questo caso il cognac accompagna solo il piatto, ma c'è comunque del cibo in ballo)

Infine, ma non per questo meno importante, non lasciate che qualcuno vi dica che l'unico modo per bere il cognac è liscio. Perché nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Naturalmente, non si può battere la lussuosa degustazione di un ottimo cognac in un bicchiere isolato. È qualcosa che non è semplicemente una bevanda, ma un'intera esperienza in sé. Tuttavia, ci sono momenti e luoghi in cui solo un cocktail al cognac è perfetto.

È il vostro drink, quindi sorseggiatelo a modo vostro. Se questo avviene con un cocktail al cognac, per noi va bene. Ci troverete a fare esattamente lo stesso in una soleggiata giornata estiva.

Come servire il Cognac

Il modo di servire il cognac è una scienza in continua evoluzione, con le opzioni che si ampliano sempre di più man mano che troviamo nuovi modi e situazioni in cui gustare la nostra bevanda preferita. E che continui così.

Se state organizzando una cena e sperate di darle un tocco sofisticato con l'aggiunta di cognac, dovete assicurarvi di farlo nel modo giusto. Il servizio appropriato di cognac dipende molto dall'ambiente e dall'occasione in cui viene consumato.

Se il cognac è destinato all'aperitivo, una bevanda alcolica assunta prima di un pasto per stimolare l'appetito, di solito viene servito liscio. Tuttavia, l'aggiunta di una goccia d'acqua può far emergere gli aromi più fruttati, floreali e speziati per farli apprezzare ai vostri ospiti, oltre a garantire una degustazione più morbida.

Potreste preferire servire il cognac in un semplice long drink come aperitivo, nel qual caso accompagnarlo con tonica o ginger ale, come già detto, è un'opzione rinfrescante che viene spesso apprezzata dagli abitanti della regione del Cognac.

Il metodo più tradizionale di servire il cognac è dopo cena come digestivo, dove viene servito liscio e a temperatura ambiente in un bicchiere snifter. Se avete conservato il vostro cognac a temperatura inferiore a quella ambiente e vi state chiedendo come servire il cognac caldo, l'ideale sarebbe tirare fuori la bottiglia almeno un'ora prima di berla per garantire una temperatura di servizio ottimale del cognac. Tuttavia, se non potete aspettare o se vi è capitato un momento cognac improvvisato, non preoccupatevi: lasciare che il cognac si riscaldi manualmente mentre i vostri ospiti tengono il bicchiere snifter e ne assaporano gli aromi è un altro galateo di lunga data per la degustazione del cognac che farà aumentare rapidamente la temperatura. Si consiglia di incoraggiare gli ospiti a riscaldare il bicchiere nella loro mano, poiché permettendo al calore del corpo di riscaldare delicatamente il bicchiere, l'acquavite rilascia note molto delicate che non si noterebbero a temperatura ambiente.

Quando il cognac deve essere gustato durante un pasto, si raccomanda di servirlo liscio, ma la temperatura ideale dipende dal cibo che lo accompagnerà. Se si serve il cognac con un pasto a base di pesce, in particolare ostriche, aragosta o sushi, il congelamento dell'acquavite può funzionare a meraviglia. Il cognac in realtà non si congela a causa dell'elevato grado alcolico e diventa molto viscoso, con una lussuosa consistenza vellutata.

La questione dell'opportunità di bere il cognac fresco in qualsiasi occasione è sorta con il progredire del cognac nel XXI secolo. Oggi esistono cognac più giovani creati appositamente per essere bevuti freddi, come ABK6 Ice o A blend di De Luze.

Ilmodo di servire il cognac è una scienza in continua evoluzione, con le opzioni che si ampliano sempre di più man mano che troviamo nuovi modi e situazioni in cui gustare la nostra bevanda preferita. E che continui così.

Bicchiere Cognac

L'idea del bicchiere da Cognac perfetto è quella di offrire la più ampia superficie possibile, ma di chiudersi sul bordo per intensificare il bouquet e garantire la migliore introduzione al palato.

Ilcognac è noto per essere una delle bevande più pregiate che esistano. La sua storia risale a centinaia di anni fa e il suo ricco sapore e i suoi aromi sono apprezzati da milioni di persone in tutto il mondo. È quindi logico rendere omaggio a questa bevanda eccezionale gustandola nel miglior recipiente possibile. Se avete dubbi sull' importanza dei bicchieri da cognac, leggete il nostro articolo seguente.

Esistono tre tipi di bicchieri da cui sorseggiare l'acquavite, ma il terzo è in realtà solo una rivisitazione moderna del secondo. Si tratta del bicchiere a tulipano, del bicchiere a palloncino e dello snifter oscillante. Continuate a leggere per capire quale sia il bicchiere migliore per il cognac.

Vetro tulipano

Questo bicchiere è considerato dagli esperti il re dei bicchieri da cognac. Il design offre la massima superficie per il liquido, consentendogli di respirare a sufficienza e dirigendo tutta la forza del bouquet verso l'alto, verso il naso, per fornire il massimo aroma, sapore e impatto sui sensi.

Il bicchiere a tulipano da cognac ha uno stelo lungo ed elegante che sale fino a una campana molto ampia. Questa si incurva verso l'interno man mano che il bicchiere sale e si svasa un po' sul bordo; il suo aspetto è molto simile al fiore da cui prende il nome.

Riedel ha progettato uno splendido bicchiere a tulipano da cognac Vinum che è una bellissima aggiunta a qualsiasi casa, realizzato in vetro spesso e robusto pur mantenendo la sua eleganza.

Vetro per palloncini

Conosciuto anche come brandy glass, brandy snifter o semplicemente snifter, questo bicchiere tende a essere più diffuso del tulipano. Tuttavia, per gli appassionati, è considerato il parente più povero dei due. La sensazione di alcuni produttori e intenditori che il bicchiere porti a un'esperienza gustativa inferiore è tale che negli ultimi anni alcuni si sono mossi per "distruggere lo snifter". Tuttavia, il bicchiere a palloncino rimane uno dei preferiti dai bevitori di brandy di tutto il mondo. Ed è così radicato su scala globale che pensiamo che ci vorrà ben altro per vedere questo vecchio fedele scomparire dal galateo del brandy e del cognac.

Il bicchiere snifter da cognac ha uno stelo corto e una campana larga che si restringe quando raggiunge il bordo. Anche in questo caso, concentra il bouquet e intensifica il sapore, anche se in misura minore rispetto al tulipano.

Il bicchiere da cognac Schott Zweifels Pure è uno stile a palloncino che combina l'eleganza di un tempo con una finitura contemporanea. Simile al bicchiere da cognac Riedel Vinum, anche questo è realizzato in vetro spesso e dà quindi la sensazione di tenere in mano qualcosa di sostanzioso.

Normalmente, i bicchieri a palloncino, che hanno una campana molto grande e si chiudono verso l'interno della parte superiore, sono fatti di vetro sottile. Ma il bicchiere Schott Zwiesel ha una base pesante e un bordo relativamente spesso.

Ravenscroft ha anche creato un bellissimo bicchiere da cognac classico, che si adatta all'atmosfera tradizionale e accogliente del caminetto. Al contrario del bicchierino Schott Zwiesel, è realizzato in cristallo sottile e delicato. Anche la forma è molto elegante, con una "pancia" non troppo rotonda, ma più sinuosa. È piuttosto alto per essere un bicchiere a palloncino, e da qui la sensazione di bere da un bicchiere un po' più speciale rispetto al normale snifter.

Snifter oscillante

Questo bicchiere è sicuramente il più avanguardista di tutti i bicchieri da cognac, anche se in realtà è solo una rivisitazione del 21° secolo del bicchiere a palloncino. La forma del recipiente è simile a quella di qualsiasi altro bicchiere a palloncino, ma la grande differenza è che non ha stelo. Ciò significa che la campana del bicchiere rotola (o traballa) letteralmente sul tavolo quando lo si appoggia, provocando un movimento costante del cognac che si presta a rilasciare ancora più aromi del normale. Sebbene possano essere un po' complicati da conservare, a causa della mancanza di una base robusta, sono senza dubbio una grande sorpresa che farà sicuramente parlare i vostri ospiti se li tirerete fuori durante una cena.

Normann Copenhagen ha progettato l'innovativo bicchiere da cognac senza stelo, combinando con successo il tradizionale bicchiere a palloncino con un design scandinavo contemporaneo. Che siate d'accordo o meno con questo concetto, si tratta certamente di un bicchiere da cognac unico. Progettato specificamente per accentuare il colore e il movimento del cognac al suo interno, oltre a mantenere il contenuto alla stessa temperatura e a favorire l'aroma per migliorare l'esperienza di consumo.

Se non avete a disposizione nessuna di queste opzioni, dovrete improvvisare. Se necessario, si possono utilizzare bicchieri da vino a campana grande e con bordi stretti, che possono rappresentare un sostituto adeguato. Naturalmente, se scegliete di bere il cognac con ghiaccio o con un mixer, dovrete scegliere il tipo di bicchiere più adatto alle vostre esigenze per questo particolare intruglio.

L'idea del bicchiere da Cognac perfetto è quella di offrire la più ampia superficie possibile, ma di chiudersi sul bordo per intensificare il bouquet e garantire la migliore introduzione al palato. Per coloro che bevono il loro nettare nella sua forma pura e linda, è doveroso dare alla bevanda tutte le opportunità per la migliore esperienza di degustazione. Ci piacerebbe sapere se avete una preferenza o se potete consigliarci un bicchiere particolare. Contattateci e fateci sapere in che tipo di bicchiere bevete il cognac?

Domande frequenti

Qual è il modo migliore per bere il cognac?

Non esiste un modo migliore per bere il cognac, dipende dalle preferenze personali. Tuttavia, gustare il cognac liscio e a temperatura ambiente è considerato il modo migliore per apprezzarne gli aromi e i sapori.

Qual è un buon mix con il cognac?

Coca Cola, ginger ale, tè freddo e tonica sono tutti miscelatori deliziosi da abbinare al cognac. Con il cognac si può preparare anche un'ampia gamma di cocktail.

Il cognac va conservato in frigorifero?

Tradizionalmente il cognac viene servito a temperatura ambiente e riscaldato in mano. Tuttavia, oggi esistono alcuni cognac creati appositamente per essere bevuti freddi, come ABK6 Ice o A Blend di De Luze.

Come si fa a bere il cognac?

Non esiste un modo specifico di bere il cognac: può essere gustato liscio, con ghiaccio, con acqua, con un mixer o in un cocktail. Tutto dipende dalle preferenze personali.

Il cognac si serve caldo o freddo?

Tradizionalmente il cognac viene servito a temperatura ambiente e riscaldato in mano. Tuttavia, oggi esistono alcuni cognac creati appositamente per essere bevuti freddi, come ABK6 Ice o A Blend di De Luze.

Si può bere il cognac con ghiaccio?

Servire il cognac con ghiaccio è diventato più comune, ma dovrebbe essere fatto solo con un cognac VS o VSOP. Si noti inoltre che un raffreddamento eccessivo può ostacolare gli aromi più sottili.

Cosa si abbina bene al cognac?

Coca Cola, ginger ale, tè freddo e tonica sono tutti miscelatori deliziosi da abbinare al cognac. Con il cognac si può preparare anche un'ampia gamma di cocktail.

Qual è il bicchiere migliore per il cognac?

Il bicchiere a tulipano è considerato il re dei bicchieri da cognac. Il design offre la massima superficie al cognac, gli permette di respirare a sufficienza e di dirigere il bouquet verso il naso per ottenere il massimo dell'aroma, del sapore e dell'impatto sui sensi.

Riscaldate il cognac?

Il cognac non deve essere riscaldato per non distruggere gli aromi e i sapori che si sprigionano con l'evaporazione dell'alcol.

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto al confronto.
To give you the best possible experience, this site uses cookies and by continuing to use the site you agree that we can save them.  Our Privacy Policy
Avete seguito con successo questo marchio